Araceae

Anubias Barteri Glabra

You Are Here: Home / Piante / Araceae / Anubias Barteri Glabra

Anubias Barteri Glabra

Nome Scientifico: Anubias Barteri Glabra

Nome Comune: Anubias Lanceolata marrone, Anubias Lanceolata, Anubias Minima, Anubias Minima Cavaliere, Pianta di plastica crescente

Famiglia: Araceae

Habitat Originario: Nigeria, Camerun, Congo, Guinea, Gabon, costa d’avorio e Liberia

Habitat acquario: Essendo particolarmente bella la posizione ideale è quella centrale – anteriore o a metà vasca, illuminazione molto bassa o posizionata in zona ombreggiata, sotto ad altre piante dalle foglie larghe o galleggianti. Può essere attaccata a tronchi, rocce o posizionata direttamente nel sub strato cercate di non sotterrare troppo in profondità il rizoma altrimenti la pianta marcirà.

Temperature tra i 16° C e i 30° C , PH tra 5,5 e 8, fertilizzata a ferro e potassio, acqua di media durezza, la presenza di CO2 da o a 10 mg x litro, non è tra le piante a crescita rapida. Fertilizzate con Ferro e Magnesio per aiutare la produzione fogliale. Estremamente rara la reperibilità in questo periodo nel mondo acquariofilo, per questa ragione ha un prezzo sproporzionatamente alto.

Descrizione: L ‘Anubias Barteri Glabra ha foglie verdi, larghe e lunghe, se ben fertilizzata produce una foglia alla settimana, questa pianta fiorisce anche sommersa, dà alla luce un bocciolo che somiglia ad una calla di colore tendenzialmente verde chiaro da cui fuoriesce una linguetta bianca, se la temperatura non è molto alta il fiorellino sopravvive per un mese circa, i fiori maschili cresceranno nella parte alta mentre quelli femminili nella parte bassa. Le dimensioni della pianta vanno dai 21 cm di altezza ai 9 cm di larghezza ma se posizionati in acquari molto grandi possono arrivare ai 50/60 cm.

Riproduzione: Si riproduce tramite getti laterali o Rizoma .

StumbleUponEmail
COD: IMAPIA-ARA-4. Categoria: .

L’Anubias Barteri Glabra presenta foglie larghe con un lungo arbusto al suo rhizoma ( fusto orizzontale da cui fuoriescono le radici ) ha radici molto lunghe, se le condizioni della vasca sono ottimali svilupperà una foglia ogni 10 giorni circa, le foglie hanno forma ovale, stretta e  lunga  i colori verde e marrone, fiorisce anche sommersa, un bocciolo che somiglia ad una calla di colore tendenzialmente verde da cui fuoriesce una linguetta bianca, in alcuni casi la calla potrebbe essere di colore rosa tenue, se la temperatura dell’acqua non è troppo alta il fiorellino  sopravviverà da una settimana ad un mese circa i fiori maschili cresceranno in alto , quelli femminili invece cresceranno in basso .

La  piantumazione và eseguita appoggiando le radici della pianta su di un tronco o di una roccia legandola con della lenza , che andrà poi rimossa nel momento in cui la pianta si è ben radicata al supporto, se la inserite all’interno dell’acquario prima dei pesci , potete anche non utilizzare la lenza ma appoggiarla direttamente sul fondo , sul tronco o sulla roccia cercando di non coprire il rhizoma perché potrebbe facilmente marcire. E’ ideale per un acquario di ciclidi che non mangiano questa pianta quindi potrà crescere tranquillamente.

La posizione ideale nella parte posteriore dell’acquario ma vicino alla’acqua corrente che ne favorisce  la crescita.  Una curiosità, la classificazione di questa pianta risale al 1860 ad opera di Heinrich Wilhelm Schott, rinomato Botanico Austriaco specializzato sulla ricerca della famiglia delle Araceae, il nome Barteri invece, scelto dallo scenziato, deriva dal cognome di un suo collega Charles Barter, Giardiniere e Botanico Britannico, morto purtroppo un anno prima della classificazione a causa della dissenteria mentre si trovava in Africa Occidentale a scopo di ricerca scentifica.

Habitat

Proveniente dall’Africa più specificatamente dalla Nigeria, Camerun, Congo, Guinea, Gabon, costa d’avorio e Liberia .  Si diffonde principalmente nelle zone paludose in fiumi e torrenti con movimento d’acqua lento, quasi stagnante, ombreggiato da fitta vegetazione che ne impedisce l’esposizione al sole diretto. Cresce su grandi pietre e tronchi, raramente direttamente sul substrato, immersi, semi sommersi e raramente completamente sommersi.

Illuminazione e temperature

Essendo una pianta molto robusta non necessita di particolari attenzioni l’unica accortezza sarà di non utilizzare all’interno della vasca una luce troppo forte e  intensa perchè tenderebbe a ricoprirsi di alghe ,preferisce la luce tenue, in questo caso la pianta durerà alcuni anni. Temperatura acquario dai 22° – 28°, il PH tra i 6 – 8, si adatta a qualunque durezza dell’acqua, Se la temperatura dell’acqua supera i 36° \  37° la pianta muore.

Crescita e Riproduzione

La crescita è lenta ma duratura solitamente aggiungeranno dalle 4 alle 8 foglie l’anno,  altezza dell’intera pianta  15 cm, le foglie arrivano a misurare circa 21 cm, se possibile evitate di inserire troppe piante di specie diverse  poiché da sole sono molto decorative; la posizione migliore è in primo piano possibilmente non molto lontano dalla corrente d’acqua che ne favorisce la crescita. La riproduzione di questa pianta è semplice : da una pianta già cresciuta tagliare con delle forbici molto ben affilate ( per evitare di danneggiare la pianta) il rhizoma in due o più parti, l’importante è che ogni pezzo abbia le radici ben sviluppate e almeno 3 foglie sul ramo, Potete tagliare o, semplicemente, rompere, un germoglio quando ha prodotto 3-5 foglie con le sue radici. Se la pianta non produce germogli, potete tagliare gli ultimi 5-6 cm del rizoma con foglie vicino al  punto della crescita e piantarlo da un’altra parte. Il resto del rizoma produrrà un nuovo germoglio di dimensioni più piccole.

 

 

Tipo pianta

Rhizome

Provenienza

Africa

Illuminazione

Bassa

Dimensioni pianta

21 cm di lunghezza, 9 cm di larghezza in acquario piccolo
raggiunge 50\60 cm di altezza in acquari di grandi dimensioni

Livello co2 richiesto

Basso

Temperatura acquario

16° C-30° C

pH

5.5 – 5.9

Famiglia pianta

Araceae