Riccia Fluitans

You Are Here: Home / Piante / Ricciaceae / Riccia Fluitans

Riccia Fluitans

 

Nome Scientifico: Riccia Fluitans

Nome Comune: Erba di cristallo

Famiglia: Ricciaceae

Habitat Originario: Cosmopilita,è presente  in molte aree sub-tropicali, è presente in Europa Meridionale, compresa l’Italia e in Asia meridionale.

Habitat acquario: Pianta robusta si adatta a qualsiasi tipo di acquario e a qualsiasi temperatura da quelle fredde a quelle tropicali, dai 15°C ai 30°C, il PH preferibilmente tra 5 e 8, acqua tenera, illuminazione medio-alta, substrato ricco di sostanze organiche nutritive. Grazie all’intuito del giapponese Takashi Amano ora sappiamo che da’ ottimi risultati anche come pianta sommersa anche negli acquari,

Descrizione: Piccola pianta galleggiante, forma sull’acqua degli ammassi di color verde chiaro, al verde smeraldo, è una delle migliori piante tra le specie ossigenatrici, produce moltissime biforcazioni conquistando tutta la superficie dell’acquario, è uno spettacolo di pianta molto coreografica e produce una miriade di bolle d’ossigeno sulla punta delle sue foglie. Essendo molto prolifica ha bisogno di essere potata spesso, ma è altresì un’ottima soluzione per acquari che al loro interno ospitano pesci anabantidi cioè che amano ancorare i loro nidi di uova sotto la pianta. Tra il suo grande ammasso vive una ricco microfauna e troveranno rifugio i nuovi avannotti. Il tallo è lungo circa dai 3 cm ai 6 cm, oppure crescendo alcuni germogli si staccheranno dalla pianta madre e fluttueranno in superficie, ricadendo verso il fondo daranno vita a nuove piante.

Riproduzione: Si riproduce tramite tallo o getti laterali

StumbleUponEmail
COD: IMAPIA -RICC-1. Categoria: .

La Riccia Fluitans è definita Cosmopilita, risulta infatti rinvenibile in molte aree sub-tropicali, è presente in Europa Meridionale, compresa l’Italia e in Asia meridionale. Appartiene alla famiglia delle Ricciacee. E’ una pianta utilizzabile sia come galleggiante sia come sommersa.

Come pianta galleggiante ha poche esigenze, cresce in maniera molto rapida essendo a contatto con i neon ed è un ottimo nascondiglio per gli avannotti, ottima nelle vasche riproduttive, molto apprezzata dagli Anabantoidei per la costruzione dei loro nidi di bolle, in più al suo interno vive un gran numero di microfauna.

Da sommersa, utilizzata come prato in primo piano , invece cresce più lentamente, è più esigente, ha bisogno di un ancoraggio forzato a legni e pietre mediante lenza da pesca o con una retina di naylon o elastica, supporti agevolmente estraibili dall’acquario e possibilmente non interrati, con il tempo si svilupperà sopra la rete rendendola invisibile..

La pianta crescendo formerà un cuscino molto bello, omogeneo, compatto e molto folto, fino a non permettere alla luce di raggiungere i talli più profondi. Per ovviare a questo problema avrà quindi bisogno di frequenti potature e rilegature, per fare ciò si consiglia di estrarre la pianta con tutto il supporto dall’acquario, togliere la retina vecchia e procedere ad una nuova rilegatura su di un supporto nuovo, questo perché è una pianta fragile ed effettuando questa operazione all’interno della vasca, piccoli frammenti si possono depositare sul fondo dando vita ad a nuove piantine, tutto questo vi agevolerà in un lavoro frequente e abbastanza impegnativo.

La fertilizzazione deve essere regolare, l’illuminazione abbondante, una generosa somministrazione di CO 2 ne consente la longevità. Pianta ossigenatrice ottima per tenere sotto controllo , in modo naturale, la concentrazione di nitrati all’interno delle vasche. Visibilmente coreografica questa pianta è spettacolare e una chicca sono le bolle di ossigeno che si formano sulla punta delle foglioline, questo fenomeno viene chiamato chiamato Pearling.

L’ apparato vegetativo è ridotto ad un tallo. La lunghezza varia dai 3 ai 6 cm mentre la larghezza è di appena pochi millimetri, sull’acqua forma degli ammassi di color verde pallido.
La colorazione varia dal verde chiaro al verde smeraldo, la colorazione più chiara cresce meglio con una bassa illuminazione, mentre la versione più scura ha bisogno di moltissima luce.

Habitat

Pianta Cosmopilita ,è presente  in molte aree sub-tropicali, è presente in Europa Meridionale, compresa l’Italia e in Asia meridionale. Vive in fiumi e laghi solitamente sul pelo dell’acqua, formando folti cuscini è ideale rifugio per piccoli pesci e avannotti. In alcuni casi, in natura, si trova anche sommersa, attecchisce sul fango e prende una forma terrestre con corti rizomi che le permettono di ancorarsi da sola sul fondo, cosa che non succede negli acquari.

Illuminazione e Temperature

Illuminazione medio-alta, le temperature variano da 10° a 28° C, i valori dell’acqua variano da molto tenera a dura, l’acqua dove questa pianta galleggia deve essere ricca di sostanze organiche, il PH da 5 a 8.

Crescita e Riproduzione

Pianta molto facile da coltivare, un po’ impegnativa nella manutenzione. E’ formata da un insieme di talli a forma di Y uniti tra loro, nasce come pianta galleggiante ma grazie all’ intuito del giapponese Takashi Amano che per primo li ha utilizzati in questa versione, ora sappiamo che da ottimi risultati anche come pianta sommersa negli acquari, ma ha bisogno di un aiuto per quanto riguarda l’ancoraggio.
In immersione si riproduce per frammentazione quindi per divisione del tallo. In emersione si riproduce anche mediante rilascio di spore.

Famiglia pianta

Ricciaceae

Tipo di pianta

Frammentazione vegetativa., Talea

Illuminazione

Medio – Alta

pH

5 – 8

Temperatura acquario

14° – 28°

Provenienza

Cosmopolita

Livello co2 richiesto

alta

Dimensione pianta

3cm 6 cm h x 1 mm l