Atyidae

Atyaephyra desmaresti

You Are Here: Home / Gamberetti / Atyidae / Atyaephyra desmaresti

Atyaephyra desmaresti

L’Atyaephyra Desmaresti ha origini tra l’Europa meridionale e il Nord Africa oggi è facile trovarlo presso il fiume Reno e il canale Danubio ma molto esteso sul territorio tedesco. La femmina arriva a misurare circa 4 mm mentre il maschio rimane tendenzialmente più piccolo, circa 3 mm, le colorazioni di questa specie è molto varia infatti possiamo trovare esemplari trasparenti con puntini blu, verdi o rosa, esemplari verdi o blu a righe gialle, marrone con una sola linea gialla lungo la schiena e ancora marrone monocolore o a righe marrone scuro. Solitamente sono le femmine ad avere colori più intensi mentre i maschi hanno colori più tenui. Vasca minima 50 x 30 x 30, Temperature dai 25° ai 28°, il PH dai 6.5 ai 7.5.

StumbleUponEmail
COD: IMAGAMB-ATY-1. Categorie: , .

L’Atyaephyra Desmaresti ha origini tra l’Europa meridionale e il Nord Africa oggi è facile trovarlo presso il fiume Reno e il canale Danubio ma molto esteso sul territorio tedesco. La femmina arriva a misurare circa 4 mm mentre il maschio rimane tendenzialmente più piccolo, circa 3 mm, la colorazione di questa specie è molto varia infatti possiamo trovare esemplari trasparenti con puntini blu, verdi o rosa, esemplari verdi o blu a righe gialle, marrone con una sola linea gialla lungo la schiena e ancora marrone monocolore o a righe marrone scuro. Solitamente sono le femmine ad avere colori più intensi mentre i maschi hanno colori più tenui è possibile che durante il giorno tendano a cambiare colore per poi tornare al stato naturale verso sera, ma state attenti, se molto stressati tendono a diventare del tutto trasparenti fino a quando perdurerà lo stress. A differenza di altri gamberetti questa specie estremamente pacifica, riesce a convivere con pesci e gamberetti di altre specie, ha una elevata capacità di adattamento ad ambienti non particolarmente favorevoli e a  parametri chimico-fisici elevati, per queste ragioni è facile da gestire in un acquario anche per diversi anni. Se inseriti pochi esemplari, questi gamberetti si intimidiscono e si nasconderanno spesso mentre se inserirete un minimo di 10-15 esemplari avrete la possibilità di vederli girare in gruppo per la vasca e soprattutto aumenterà la possibilità che si formino le coppie. È  facile vederlo socializzare, con pesci non aggressivi e gamberetti nani.  L’acquario ideale dovrebbe essere almeno di cm 50x35x35 cm per piccoli gruppi e 100x45x45cm per gruppi più numerosi, l’illuminazione deve essere di media intensità quindi una lampada fluorescente da 24 wt può bastare, il fondo dovrà essere ricoperto di fine sabbia ceramica bianca, rocce vulcaniche e tronchi di legno Mopani, le piante consigliate sono Hydrocotyle Leucocephala, Hygrophila Polysperma, Egeria Densa, Cladophora Aegagrophila, del muschio Riccia Fluitans e Vesicularia Dubyana se possibile piantatele vicino ai rifugi perchè saranno il loro nutrimento nel periodo della  muta. Per quanto riguarda l’arredamento, il gamberetto ha bisogno di posti possibilmente ombreggiati e rifugi da utilizzare durante il periodo di cova e di muta, si  consigliano rocce incavate, piccoli castelli che si trovano facilmente in commercio, vasi di terracotta, anfore o piante dalle grandi radici.  Ricordatevi che l’acquario ha bisogno di un coperchio perchè tendono a fuggire.

Habitat

Molto diffuso in tutta Europa fatta eccezione per le isole della Gran Bretagna, in natura vive in acque ferme con ricchezza di vegetazione sommersa.

Alimentazione

Prevalentemente alghivoro \ onnivoro si nutre di alghe, microalghe, spirulina e batteri che raccoglie con le chele dalle pietre , sui tronchi, piante in via di decomposizione, rifiuti organici di altri animali, si consiglia comunque di integrare la dieta con larve di insetti, piccoli crostacei e verdure tipo piselli sgusciati, lattuga e foglie di verza.

Riproduzione

L’Atyaephyra Desmaresti si riproduce da Aprile a Settembre ma il mese più prolifico è il mese di Giugno, per riprodursi hanno bisogno che l’acqua all’interno dell’acquario non sia inferiore a 25°, quando la femmina  diventa sessualmente matura, dopo 3 mesi dalla nascita, secerne i feromoni che attirano i maschi che al momento opportune depositeranno gli spermatofore ( dispositivo atto a contenere o a raggruppare gli spermatozoi che, in tal modo, fuoriescono dalle vie genitali maschili non sospesi in una massa fluida, lo sperma, ma riuniti insieme, o racchiusi in una capsula di natura albuminoide o pseudochitinosa, o agglutinati intorno a un sostegno assile, simile a un pennacchio, per essere utilizzati nella fecondazione interna delle femmine ) vicino alle aperture genitali cioè nella parte toracica sotto la pancia  dopo di che le uova si sposteranno dalla tasca ovarica sino alla parte addominale dove saranno fecondate dai maschi e ossigenate continuamente con un movimento ritmico della coda dalle femmine. Il periodo di incubazione durerà dai 20 – 30 giorni a seconda della temperatura dell’acqua, le uova misurano circa 0,5 mm di diametro se la fecondazione è andata a buon fine nasceranno le piccole larve, dalle 15 alle 30 per ogni cova sino ad un totale di circa 1000 – 1500 in 1 anno, altrimenti se non andrà a buon fine, la femmina le lascerà cadere fino ad abbandonarle completamente. Le dimensioni e il numero delle uova indica che la riproduzione è andata bene. Le larve si nutriranno di microrganismi presenti nelle radici delle piante o sulle pareti degli arredi, se la vasca sarà ben piantumata,soprattutto con muschio, i piccoli non avranno difficoltà a nutrirsi; e nascondersi in caso di attacco da parte dei predatori, che possono essere sia i pesci che gli stessi genitori. Prima di arrivare allo stadio adulto le larve subiranno circa 8 stadi larvali che dureranno all’incirca 6 mesi. Da Ottobre a Marzo è utile abbassare la temperatura dell’acquario  sui 15° – 18° per dar modo alle femmine di un periodo di riposo riproduttivo, a queste temperature infatti  i gamberetti risultano essere sessualmente inattivi.

 

Aggressività v/conspecifici

Pacifico

Alimentazione

Alghivoro, Onnivoro

Coppia formata

Si

difficoltà allevamento

2

Dimensione

4 – 6 cm

Dimensione min. vasca

50x35x35 ( 60lt )

dimorfismo sessuale

Si

Durezza dell'acqua

Media

Famiglia

Atyidae

Livello di nuoto

Basso, Medio-Basso

Numero min. di esemplari

2

pH

6.5 – 7.5

riproduzione

Oviparo

taglia max in acquario

25mm – 35mm

Temperamento coinquilini

Pacifico

Temperatura acquario

04° – 28°

Vita media

8 – 10