ciclide Cackatoo, Cacatuoides

Apistogramma Cacatuoides

You Are Here: Home / Pesci / Ciclidi / Apistogramma Cacatuoides

Apistogramma Cacatuoides

Nome Scientifico: Apistogramma Cacatuoides

Nome Comune: Ciclide Cakatua

Habitat Originario: Originario del sud-America in un’area molto vasta che passa dal Brasile, alla Colombia al Perù, in prevalenza nel Bacino del Rio delle Amazzoni, nei fiumi Ucayali, Rio delle amazzoni, Solimones, da Pachitea River a Tabatinga.

Habitat acquario :Per una sola coppia una vasca da 60 cm di lunghezza può bastare , ma l’ideale sarebbe di 150 cm,per una vasca di comunità.
Hanno bisogno di luce non intensa quindi meglio schermare con piante galleggianti, la temperatura dell’acquario 22° C – 29°C , il PH tra 6 e 8, durezza dell’acqua medio bassa.

Descrizione: Il corpo è robusto caratterizzato da pinne dorsali molto lunghe, i colori variano ma tutti hanno una banda orizzontale che attraversa il corpo in tutta la sua linghezza, le femmine nel periodo della riproduzione assumono un colore giallo paglierino.Di questo piccolo ciclide nano in commercio se ne trovano diverse versioni di colori come: il Sanset, il Sanburst, il Double red, il Triple red, il Gold, il Withe gold, l’Orange flash e l’Albino. Aspettativa di vita dal 3 ai 5 anni.

Alimentazione: Questa specie è Carnivora

Riproduzione: Specie Ovipara con formazione di coppie.

StumbleUponEmail
COD: IMAPSC-CIC-15. Categoria: .

L’Apistogramma Cacatuoides è un ciclide nano sud-Americano, appartiene alla famiglia dei Cichlidae, il nome comune ciclide Cackatoo, Cacatuoides
Una curiosità: il nome deriva dal greco Apisto= incerto e Gramma= grafico; tutto ciò si riferisce alla sua livrea che cambia visibiltà in base all’umore. Cacatuoides deriva cockatoo, dal malese cacatua e dal greco iodes riferito alla pinna dorsale poiché assomiglia alla gresta del pappagallo Cacatua.
Di questo piccolo ciclide nano in commercio se ne trovano diverse versioni di colori come: il Sanset, il Sanburst, il Double red, il Triple red, il Gold, il Withe gold, l’Orange flash e l’Albino.
IL corpo è robusto e stupendo ma la caratteristica principale sono le pinne dorsali, ha pinne molto lunghe , tanto da assomigliare come detto alla cresta di un Cacatua, i colori delle pinne variano dal rosso-nero, al giallo- arancione,oro-rosso,oro-azzurro, giallo-nero. Il corpo può essere di color argento, verde- grigio, entrambe le versioni sono attraversate orizzontalmente, da entrambi i lati, da una lunga banda nera,al disotto di questa si notano piccole linee interrotte, oppure di un colore unico giallo.
Le femmine hanno bande scure che attraversano gli occhi e le pinne più piccole, gli occhi sono di grandi dimensioni,la bocca ha grandi labbra pronunciate.
Le pinne sono variopinte, quelle dei maschi in particolar modo sono di ampie dimensioni,.
Il maschio è notevolmente più grande della femmina e può arrivare agli 8 cm, inoltre è caratterizzato da un grugno che ricorda quello di un bulldog, questo lo fa apparire come un teppistello all’interno dell’acquario.
Le femmine hanno pinne più piccole, dimensioni più piccole e sono meno colorate, nel periodo della riproduzione tendono ad assumere una splendida colorazione totalmente gialla, le dimensioni delle femmine si aggirano intorno ai 5 cm.
Gli Apistogramma Cacatuoides maschi sono molto aggressivi e territoriali, sia con esemplari della stessa specie sia con specie simili, quando all’interno della vasca insorgono rivalità e incomprensioni il maschio aumenta la sua aggressività anche nei confronti delle femmine presenti.
Le femmine dal canto loro sono più pacifiche e solitamente si possono allevare in harem , cioè un gruppo numeroso di femmine con un solo maschio , ma attenzione nel periodo della riproduzione e cura degli avannotti la territorialità femminile aumenta a dismisura e potrebbe succedere di vedere lotte furibonde tra le femmine e purtroppo a vlte può capitare la dipartita di una di loro. Per ovviare a questo problema basta inserirli in acquari di larghe dimensioni.
Gli Apistogramma Cacatuoides sono tra i pochi ciclidi nani che si adattano; non hanno bisogno di acque tenere e acide, possono essere allevati anche in acquari allestiti con acqua di rubinetto ove questa non sia troppo dura e alcalina.
Per una sola coppia una vasca da 60 cm di lunghezza può bastare , ma l’ideale sarebbe di 150 cm, il substrato di sabbia fine o granulometria fine, di colore preferibilmente scuro, evitate i fondi di colore chiaro che potrebbero stressare i pesci, una lettiera di foglie secche di faggio, quercia e foglie di mandorlo Ketapang, la loro decomposizione creerà all’interno della vasca la crescita di colonie microbiotiche, preziosa fonte di cibo secondario per i futuri avannotti e la maggior parte dei pesci adulti apprezzeranno i tannini e le sostanze chimiche rilasciate dalla decomposizione. nell’arredamento potete utilizzare vasi da fiori rovesciati, tubi in pvc o altri materiali artificiali, radici di legno, rami collocati in modo da fornire tanti anfratti, nascondigli e zone ombreggiate, se volete ottenere un effetto più naturale utilizzate dei cocchi lavorati.
Il livello di nuoto è basso ovvero nella parte inferiore della vasca, l’aspettativa di vita si aggira tra i 3 e i 5 anni.
Le piante consigliate sono galleggianti, per schermare la luce, e Anubias, Crytocoryne,Elodea sp,Najas sp, Limnophila sp, Microsorum, Taxiphyllume, queste ultime sono molto indicate perché formano cespugli e muri, una parete posteriore si può realizzare utilizzando una rete plastica con trame di piccole dimensioni, oppure costruire un prato utilizzando reti in plastica a trame grandi e legando le piante con della lenza.
L’ illuminazione non deve essere molto forte, come neppure la filtrazione e il movimento dell’acqua, poiché questi pesciolini preferiscono acque tranquille, il ricambio dell’acqua andrebbe effettuato settimanalmente rimboccando solo il 15% , a meno chè il vostro acquario non abbia molti ospiti.
Se si decide di allestire un acquario di comunità i migliori compagni possono essere Ciprinidi, Caracidi e Poecilidi.
Se invece desiderate che i vostri ospiti si riproducano senza problemi optate per pesci di piccole dimensioni tipo Neon, gli Otocinclus o le Petitelle, Nannostomus o pesce matita oppure dei Carnegella, questi compagni sono di piccole dimensioni, tranquilli e non predano le uova.
Se volete riprodurre i vostri pesci evitate Caracidi, Paracheirodon o Hyphessobrycon poiché sono voraci predatori di uova e avannotti.

Habitat

In natura vivono in ambienti di acqua dolce , dal clima tropicale, ovvero nel sud-America in un’area molto vasta che passa dal Brasile, alla Colombia al Perù, in prevalenza nel Bacino del Rio delle Amazzoni, nei fiumi Ucayali, Rio delle amazzoni, Solimones, da Pachitea River a Tabatinga.
Vivono sia in acque dalla corrente lenta, trasparenti che in stagni della foresta pluviale dalle acque ricche di tannino, e di altri acidi derivanti dalla decomposizione di piante e foglie che colorano l’acqua rendendola scura.

Illuminazione e Temperature

Come abbiamo detto questi pesci non hanno bisogno di luce intensa quindi meglio schermare con piante galleggianti, la temperatura dell’acquario 22° C – 29°C , il PH tra 6 e 8, durezza dell’acqua medio bassa.

Alimentazione

Specie Carnivora, predilige cibo vivo e surgelato tipo Artemia, Daphnia, Chironomus, Tubiflex, alimenti secchi in pellet, in fiocchi o granulari.
Non amano cibo di genere vegetale, Sono micropredatori e cacciano attivamente animali vermiformi larve di zanzara e gamberetti di piccole dimensioni se inseriti vivi nella vasca.

Riproduzione

Specie Ovipara. L’acquario deve essere di almeno 80-90 cm di larghezza se avete più di una femmina, tale spazio occorrerà per delimitare all’interno della vasca il proprio territorio, se avete delle vasche di piccole dimensioni non avranno abbastanza spazio da dividersi e quindi saranno guai, la femmina più forte prenderà il sopravvento e si approprierà di tutto il territorio. I nascondigli ottimali per la deposizione delle uova sono vasi rovesciati, noci di cocco e tane nei tronchi.
Fate attenzione, nelle prime riproduzioni , affinché non vi siano elementi di disturbo nella vasca ( valori sballati, compagni di vasca sgraditi) questi possono stressare la coppia che potrebbe cibarsi delle uova prima della schiusa.
Durante il corteggiamento l’esemplare maschio più grande e colorato incoraggerà la femmina, che in questo periodo avrà assunto una colorazione giallo brillante, con vistose parate, aprendo la pinna dorsale e dandole piccoli colpetti di pinna caudale, o con le vibrazioni del corpo la incoraggia ad andare verso il luogo di riproduzione. Qui la femmina depositerà dalle 50 alle 70 uova nella parete superiore del rifugio prescelto, e in seguito il maschio le feconderà.
La peculiarità di questa specie sono le cure parentali, sia il maschio che la femmina si occuperanno della prole.
La femmina è responsabile della cura post-deposizione delle uova e degli avannotti, dopo circa 2-4 giorni dalla deposizione le uova si schiudono , gli avannotti consumano il sacco vitellino dopo di che escono dalla tana e cominciano a nuotare intorno alla tana. La femmina non li perderà mai di vista e potrà capitare di vedere una femmina prendere in bocca i suoi piccoli per poi risputarli tutti in gruppo.
Il maschio in tutto il periodo si accerterà che nessun intruso entri nel territorio di riproduzione della sua femmina.
Nel primo periodo gli avannotti dovranno essere cibati con Naupli di Artemia appena schiusi, foglie secche in decomposizione che apportano microfauna.

Aggressività v/conspecifici

Medio, Pacifico

Alimentazione

Carnivoro

Coppia formata

Si

difficoltà allevamento

3

Dimensione min. vasca

150 X 120 X 50, 60x45x45

dimorfismo sessuale

Si

Durezza dell'acqua

Media

Famiglia

Ciclidi

Illuminazione

Medio – Bassa

Livello di nuoto

Basso

Numero min. di esemplari

2

pH

6 – 8

riproduzione

Oviparo

Temperatura acquario

22° – 28°

Vita media

3 – 4 anni