Ciclidi

Amphilophus altifrons

You Are Here: Home / Pesci / Ciclidi / Amphilophus altifrons

Amphilophus altifrons

Nome Scientifico: Amphilophus Alitifrons

Nome Comune:

Habitat Originario: Originario dell’America Centro Meridionale, Panama,Costa Rica, Colombia.

Habitat acquario: Per un singolo pesce 100x45x45 per più coppie ameno 400 litri se non oltre, data la loro propensione a scavare, se volete inserire delle piante dovete ancorarle a rocce e supporti. Arredare con vasi , rocce ,tronchi per deposizione uova durante la riproduzione ma soprattutto per tutelare l’incolumità degli altri ospiti. I valori : PH tra 7 e 7,5, temperature tra i 22°C e i 28°C. Illuminazione il più naturale possibile.

Descrizione: il maschio ha 5 bande verticali su entrambe i lati, con piccole irridescenze blu, sono più grandi, hanno pinne più lunghe e sviluppano una gobba sulla nuca. Hanno varie colorazioni ma la prevalente è Gialla con strisce nere verticali, la femmina a differenza del maschio ha una striscia nera che la percorre dalle branchie alla coda.Se ben tenuti la loro aspettativa di vita raggiunge i 5 anni.
Le dimensioni in acquario varia dai 25 cm minimo per lui ai 20 minimo per lei , ma possono abbondantemente superare queste misure.

Alimentazione: Onnivora prevalentemente carnivora.

Riproduzione: Specie Ovipara , forma la coppia

StumbleUponEmail
COD: IMAPSC-CIC-8. Categoria: .

L’Amphilophus Altifrons , appartiene al gruppo dei pesci scavatori, originario dell’ America centrale meridionale, più precisamente tra Panama e Costa Rica. Si distingue, da altri ciclidi molto simili, da 5 strisce nere sui lati  e piccole perle iridescenti blu, verde e azzurro sotto l’occhio del maschio che in età adulta presenterà una gobba pronunciata sulla nuca , la femmina invece ha una lunga striscia nera che corre dalle branchie alla coda con la stessa punteggiatura del maschio sul corpo e sotto l’occhio , il colore di entrambi è generalmente giallo chiaro e marrone con la parte sottostante del muso color arancione. Questo pesce ha un temperamento molto aggressivo con i suoi conspecifici.

E’ preferibile allevarne una coppia. Il modo migliore è quello di raccogliere un gruppo di giovani 5/6, prima della maturità sessuale (che avviene tra l’età di 1 \2 anni) e permettere loro formare coppie spontanee, scegliere la coppia migliore per l’allevamento, e rimuovere le altre. Se si possiede un acquario molto grande, da 300/500 litri è possibile tenerli con altri ciclidi provenienti dalla stessa zona d’origine, almeno un gruppo da 10-12 esemplari, in caso contrario è molto meglio tenerne una o al massimo due coppie della stessa specie. L’acquario dovrebbe essere allestito un fondo sabbioso poiché ha l’abitudine di scavare sul fondo alla ricerca di cibo, grandi rocce, vasi in terracotta a cui ricavare una porta d’entrata perché potrebbero utilizzarla per la riproduzione, legni e pietre in modo da formare grotte e nascondigli. È consigliato lasciare abbastanza spazio libero per il nuoto. Questo pesce , come molti suoi simili ha l’abitudine di scavare il materiale del substrato, quindi è meglio inserire piante robuste e che siano ben ancorate. Allo stesso modo vanno protette tutte le attrezzature all’interno dell’acquario, gli ingressi e uscite del filtro, il termo riscaldatore ecc. poiché saranno attaccati molto violentemente. Come vasca comunitaria sarebbe meglio scegliere compagni di piccole dimensioni e tranquilli, tipo Poecillia Velifera o Characidae Sud-Americani tipo Metynnis, Hemiodus Gracili ecc, insomma coinquilini da 10-15 cm massimo, evitate ciclidi aggressivi come loro ,altrimenti nell’acquario avrete tutti i giorni perenni conflitti per occupare i territori.  È necessario un ricambio d’acqua frequente , se non addirittura settimanale e  un filtraggio potente per gli abbondanti rifiuti biologici prodotti da questi pesci quindi si consiglia un filtro molto efficace e di enormi dimensioni, l’acqua dovrebbe altresì avere un alto tasso di ossigeno disciolto. Sarebbe una buona cosa fornire l’acquario di un pesante coperchio, questo amabile pesciolino ha spesso momenti di super eccitazione e potrebbe saltare facilmente fuori dalla vasca. Le dimensioni variano da 20 cm a 22 cm. In media vive tra i 2 e i 5 anni ma in casi particolari arriva anche fino a 10 anni.

Habitat

Questi ciclidi provengono dall’America centro-meridionale. Panama, Costa Rica, fiume Terraba, Ciudad , fiume Chiriqui e Colombia.

Illuminazione e Temperature: Si consiglia un’illuminazione naturale o a led , poichè sotto i neon i loro colori sgargianti non risulteranno e vi troverete difronte dei pesci piuttosto noiosi. La temperatura dell’acquario è tra 22° e 28°, il PH tra i 7 – 7.5 , l’acqua di durezza medio alta.

Alimentazione

Specie Onnivora. Si nutre prevalentemente di piante acquatiche ma si consiglia di variare l’alimentazione con cibo vivo e congelato  tipo molluschi, lumache, piccoli pesci, crostacei e insetti, lumache, gamberetti, verdure e pellet per grossi pesci, si consiglia di non dar loro vermi rossi.

Riproduzione

Come abbiamo detto la dimensione  dell’acquario per una singola coppia è di   150 / 200 lt  per un acquario con altri ciclidi le misure saranno molto più grandi da 300/500 lt,  se ci sono altri pesci nella vasca, organizzatela in modo da fornire il maggior numero nascondigli possibili per i futuri avannotti. Durante la stagione riproduttiva alcuni ospiti, cominciano attivamente a ” beccarsi” prepotentemente per testare la loro compatibilità, la coppia una volta formatasi  cambia colore e la femmina ha una particolarità, la sua gola diventa di color nero o scuro,  Selezionare una buona coppia per al riproduzione , come abbiamo detto è facile, tenete presente che la coppia formata rimarrà tale e si riprodurrà regolarmente entrambi sceglieranno il sito per la riproduzione e lo difenderanno diventando aggressivi e resisteranno ad attacchi da coppie rivali, prima singolarmente ma se ciò non dovesse bastare lo faranno anche insieme.  Il maschio prepara una grotta all’interno di un vaso o una buca nella sabbia dove la femmina deporrà le uova e verranno fecondate. Entrambi i genitori si prenderanno cura della prole sino a quando gli avannotti non saranno indipendenti cibandosi e nuotando da soli. Anche in questo caso, come in altri, è bene integrare l’alimentazione con naupli di artemia appena schiusi e fiocchi di mangime secco.

 

Dimensione

20 – 24 cm

pH

6-7.5

Dimensione min. vasca

100x45x45

Aggressività v/conspecifici

Alta

Temperamento coinquilini

Molto aggressivo

difficoltà allevamento

2

Alimentazione

Carnivoro, Onnivoro

Famiglia

Ciclidi

Temperatura acquario

24° – 28°

Durezza dell'acqua

Media

Coppia formata

Si

dimorfismo sessuale

Si

riproduzione

Oviparo

Livello di nuoto

Medio-Basso

taglia max in acquario

16 – 20 cm

Vita media

2 – 5

Numero min. di esemplari

2