Lancer nero, Pista nera, Grandi spine, Avviare nero

Bagrichthys Macracanthus

You Are Here: Home / Pesci / Bagridae / Bagrichthys Macracanthus

Bagrichthys Macracanthus

Nome Scientifico: Bagrichthys Macracanthus

Nome Comune: Lancer nero, Pista nera, Grandi spine, Avviare nero

Habitat Originario: Sumatra, Indonesia, Malaysia, Cambogia, Thailandia
(…⇓)

Habitat acquario: Vasca di 120x45x45 cm, temperature 24°-28°, PH 5-7,
(…⇓)

Descrizione: Pesce timido e notturno, pinna dorsale molto lunga, colore nero con fascia sottile, orizzontale bianca, pinna caudale solitamente sfumata di colore bianco, le femmine sono più grandi dei maschi, le dimensioni variano tra i 20 cm e i 23 cm, ma possono diventare anche più grandi.
(…⇓)

Alimentazione: Questa specie è onnivora.
(…⇓)

Riproduzione: Specie ovipara, le coppie si formano occasionalmente nel periodo della riproduzione.
(…⇓)

StumbleUponEmail
COD: IMAPSC-BAG-1. Categoria: .

Il Bagrichthys Macracanthus comunemente conosciuto come Lancer Nero, Avviare Nero o Grandi Spine, Pista nera. è un piccolo pesce gatto, appartiene alla famiglia dei Bagridae proveniente dal Sud -Est Asiatico, il nome lancio deriva dalla lunga spina dorsale presente in molte specie di questa famiglia, è un pesce relativamente tranquillo, timido e notturno che arriva a misurare circa 25-30 cm in acquario di comunità. Il colore varia dal marrone scuro al nero con una striscia sottile bianca laterale, in alcune specie vi sono 2-3 bande verticali irregolari gialle o marroncine, il maschio ha bardigli nasali numericamente superiori e di misure più lunghe rispetto alle femmine della stessa specie, hanno una papilla genitale leggermente anteriore della pinna anale, una pinna dorsale alta e lunga, la pinna caudale solitamente di colore chiaro, le femmine sono leggermente più grandi dei maschi. Con maschi della stessa specie possono essere aggressivi e territoriali, per questa ragione si consiglia 1 maschio ogni 3/4 femmine, questi pesci hanno una bocca molto piccola e anche se combattono alla fine non si fanno veramente del male ma possono comunque diventare predatori con pesci di piccole dimensioni, i compagni di vasca dovrebbero essere non meno di un quarto della lunghezza del Lancer per evitare di diventare una preda appetitosa soprattutto nelle ore notturne, avendo la bocca così piccola si nutrono normalmente nel substrato di piccolo detriti, piante e piccoli animali bentonici, per questa ragione hanno ridotto molto la dentatura orale rispetto ad altri membri della stessa famiglia, essendo animale notturno ha bisogno di molti nascondigli da utilizzare durante il giorno, sono pesci che si stressano facilmente, soprattutto durante il trasporto dal negozio al domicilio, per questo si consiglia di metterli in quarantena per un breve periodo in modo da inserirlo nella vasca solo dopo essersi ripreso dal viaggio, date loro alimenti ad alto contenuto proteico, nutriteli regolarmente e controllate che i valori dell’acquario siano costanti, PH 6 e temperature dai 28° ai 30°. Dopo tale periodo i vostri pesci diventeranno sani, forti e bellissimi ospite del vostro acquario,se utilizziamo un acquario dedicato sarà sufficiente una vasca 120 x 45 x 45 cm, sub strato di ghiaia o sabbia possibilmente di colori chiari, utilizzate anche una parte di sub strato di torba che potrà garantire una scorta di piante vive e mantiene l’acqua acida e morbida, molto piantumata sui lati e sul fondo, come arredo potete utilizzare tronchi, tubi in pvc e vasi in terracotta abbastanza capienti, anfore, gusci di noci di cocco con 2 fori per entrare e uscire comodamente, se sono soddisfatti di una tana sono propensi a riutilizzarla sempre, non utilizzate arredi con punte o parti taglienti perché se spaventati potrebbero nell’introdursi all’interno, tagliarsi o ferirsi in maniera anche grave, come piante potete utilizzare Muschio di Java, felce Java, Limnophila Sessiliflora, Anubias Hastiflora piante galleggianti o piante a spadoni queste ultime terranno la vasca in ombra. Il filtro e il riscaldatore devono essere protetti. Ricordate che, anche se acquistati in piccole dimensioni, in alcuni casi possono superare abbondantemente i 23 cm quindi non allestite la vasca con piccoli arredi altrimenti potrebbero rimanere incastrati senza poterne riuscire. Questo pesce, se ben tenuto e nutrito può vivere per diversi decenni.

Habitat

Originario dell’Asia si trova nei fiumi Lamatang e Enim, Palambang Sumatra, Indonesia, ma alcune specie sono state trovate anche in Indocina, Java e Borneo, in Thailandia nei bacini Chao Phraya e Mekong, Cambogia, Laos, Malaysia. Il loro ambiente naturale sono fiumi torbidi con substrato fangoso, in zone prevalentemente disabitate e allagate durante la stagione delle piogge, con un flusso d’acqua lento e con molti ripari dove si ritirano per deporre le uova nel periodo delle piogge.

Illuminazione e Temperatura

È un animale notturno quindi durante il giorno ha bisogno di parecchi nascondigli, acqua ambrata e piante galleggianti, le temperature ideali sono tra i 24° e i 28°, non superate i 29°-30°, il PH tra i 5 e 7.

Alimentazione

Specie Onnivora si nutre di piccoli crostacei, detriti, piante, compresse di alghe, vermi di girdino, compresse per pesce gatto, cibo in fiocchi, pellets di trota, vivo, surgelato e congelato come Artemia, Tubifex, Spirulina,Chironomus, verdure fresche.

Riproduzione

La riproduzione non è facile ma nemmeno impossibile, avviene spontaneamente tra giugno e luglio, inserite all’interno un maschio con più femmine per avere maggiori probabilità di successo, aumentate l’alimentazione inserendo larve di zanzara e altri insetti acquatici, per quanto riguarda l’accoppiamento non sarà delicato e sensuale ma abbastanza rude, infatti il maschio una volta formata la coppia spingerà la femmina nella tana obbligandola a deporre le uova, circa 150-200 per ogni cova, dopo di chè la allontanerà feconderà le uova e da solo le custodirà fino alla schiusa ventilandole e girandole per non farle ammuffire e marcire, uscirà dalla tana solo per mangiare nelle ore notturne. Ci vorranno alcuni giorni prima che si schiudano e rimarranno all’interno della tana nutrendosi del proprio sacco vitellino. Dopo circa 20 giorni diventeranno avannotti, saranno autosufficienti e indipendenti, cominceranno ad uscire per nutrirsi e solo quando anche l’ultimo avannotto avrà lasciato la tana il maschio tornerà alla sua vita normale. Se sarete fortunati questo si ripeterà ogni anno.

Aggressività v/conspecifici

Pacifico

Alimentazione

Onnivoro

Coppia formata

Si

difficoltà allevamento

1

Dimensione

20 – 23 cm

Dimensione min. vasca

120x45x45

dimorfismo sessuale

Si

Durezza dell'acqua

Tenera

Famiglia

Bagridae

Illuminazione

Medio – Bassa

Livello di nuoto

Basso

Livello co2 richiesto

Medio alto

Numero min. di esemplari

2, 3

pH

5 – 8

riproduzione

Oviparo

taglia max in acquario

25 – 30 cm

Temperamento coinquilini

Pacifico

Temperatura acquario

24° – 28°

Vita media

Oltre 10 anni

Ancora non ci sono recensioni.

Be the first to review “Bagrichthys Macracanthus”

Contact Us

Contatti

Aiutaci a crescere

Se hai correzioni o conosci dettaglio non riportati inviaceli, provvederemo a migliorare le informazioni del sito.
Lavora con noi: redazione@ilmioacquario.it

Inviaci una mail

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo messaggio